temi
Un panino lungo tre metri
20/07/2015
Storie

Un panino lungo tre metri

Entrare in relazione significa riconoscersi a vicenda un po’ più vicini nella strada che si compie. Significa vivere dentro una dimensione umana ricca, profonda e autentica. Significa fondare il lavoro che costituisce il motivo dell’incontro su un atto di amore.
Dare anima alla scuola significa uscire dal solipsismo individualista dell’insegnante erogatore di servizi.
LEGGI LA STORIA PARTECIPA AL DIBATTITO
temi
Annalisa la cubista
22/06/2015
Storie

Annalisa la cubista

Gli insegnanti diventano giudici: emanano sentenze.Poi alla sentenza di condanna si mettono in bell’evidenza le etichette. Al momento dell’assoluzione ci si dimentica perfino del giudizio emanato. Troppi danni ho visto in chi non riesce a togliere l’etichetta dal volto dello studente. Troppi conflitti ho visto perpetuarsi nel tempo a causa di queste etichette.
LEGGI LA STORIA PARTECIPA AL DIBATTITO
temi
Massimiliano il provocatore
25/05/2015
Storie

Massimiliano il provocatore

Massimiliano aveva tredici anni, frequentava la terza media, anno in cui ci si impegna per gli esami di Stato che arrivano per la prima volta nella carriera scolastica di uno studente.

Massimiliano era una continua irrequietezza. Aveva preso di mira in particolare una prof.

LEGGI LA STORIA PARTECIPA AL DIBATTITO
temi
La famiglia avvocati
19/05/2015
Storie

La famiglia avvocati

È il caso di questa famiglia di avvocati che si ritrovano, improvvisamente, con la figlia bocciata, secondo loro ingiustamente e avviano un ricorso contro la scuola per irregolarità nello svolgimento dello scrutinio. Nel sistema scolastico italiano la bocciatura diventa il problema. Il tema, quindi, non è la valutazione attribuita o la bocciatura, ma se il futuro dell’allievo possa essere liceale o professionale, teorico o pratico, breve o lungo.
LEGGI LA STORIA PARTECIPA AL DIBATTITO
temi
La famiglia investigatore privato
13/04/2015
Storie

La famiglia investigatore privato

È il compiere il bene, non ‘del bene’, che ci restituisce la dignità dell’essere persone con uno scopo nella vita. Vivere di bene, vivere bene, ben-essere contro il ben-avere. È il bene che si pratica e non si dice. È il bene che orienta le scelte perché le porta a diventare lungimiranti. Ah, che bello pensare al valore della lungimiranza! Sembra un vocabolo desueto.
LEGGI LA STORIA PARTECIPA AL DIBATTITO
temi
Tra scuola e lavoro: Jhanos
31/03/2015
Storie

Tra scuola e lavoro: Jhanos

La scuola come luogo di incontro tra cultura del lavoro e cultura della conoscenza per trasformare il lavoro in conoscenza, il trasferimento della conoscenza in pensiero e l’evoluzione del pensiero in nuovo lavoro. Io aggiungo anche un qualcosa di più. La scuola come luogo dell’educazione e della formazione della persona.
LEGGI LA STORIA PARTECIPA AL DIBATTITO
temi
Irene, il Prof. e l'economia aziendale
17/03/2015
Storie

Irene, il Prof. e l'economia aziendale

Irene non ricordava una sola lezione di Economia Aziendale che aveva costituito l’essenza e il motivo principale della mia prestazione di servizio all’interno della scuola. Prima dell’incontro tra adulti e ragazzi, tra educatori ed educandi, tra docenti e studenti, in aula c’è un incontro tra persone. I ruoli che ci giochiamo all’interno della scuola sono dentro a dinamiche di relazione umana.
LEGGI LA STORIA PARTECIPA AL DIBATTITO
temi
Reato studentesco: il furto
02/03/2015
Storie

Reato studentesco: il furto

Altra vicenda, altra situazione, stesso finale: autori del reato scoperti.
Siamo in seconda media. Ora di scienze motorie, ma non per tutti. I più furbi ritardano l’arrivo in palestra per divertirsi ed entrare in una classe vicina con cui avevano l’ora di ginnastica e tentare, molto furtivamente, di esplorare negli zaini dei loro compagni.
LEGGI LA STORIA PARTECIPA AL DIBATTITO
temi
Carlo e i pappagalli
11/02/2015
Storie

Carlo e i pappagalli

Quinta superiore. Anno della maturità. Carlo è uno studente che funziona al minimo. Rasenta sovente la sufficienza. Alterna compiti in classe svolti con voti brillanti e compiti in classe appena sufficienti. Sembra quasi spaventato dall’essere troppo bravo, per cui appena arriva un buon voto subito deve sistemarsi per prendere un voto solo sufficiente.

LEGGI LA STORIA PARTECIPA AL DIBATTITO